Gratitudine e perdono

di Giocosa - 23 settembre 2017

“Maestro quante volte devo perdonare? Sette volte?” (cfr. Mt 18,21-35). Con questa domanda, che ha in sé anche la risposta, l’Apostolo Pietro manifesta una disponibilità a perdonare sempre. Infatti, il numero sette, nella Bibbia, vuol dire la totalità, la completezza.

Gesù rispondendo a Pietro, parla del Regno dei cieli e racconta una parabola, per aiutarci a guardare in alto, a guardare non solo con gli occhi terreni, ma anche con gli occhi del cuore, della fede.

C’è un servo con un grosso debito, che mai sarebbe riuscito a pagare. C’è un padrone, che accogliendo la preghiera del servo, ha compassione di lui e gli condona, subito, tutto il debito.

Quel servo siamo noi, con il nostro carico di peccati, che invece di diminuire aumentano sempre di più. Il padrone è Dio, grande e misericordioso, sempre pronto a perdonare tutti i nostri peccati, anche quelli più grossi.

Tutti abbiamo un grosso debito nei confronti di Dio, che mai riusciremmo ad estinguere. Anche se ci dimentichiamo di Lui, Dio perdona sempre, perché è amore misericordioso.

Nel racconto di Gesù, però, quel servo, al quale era stato condonato il suo grosso debito, non è stato capace di riconoscenza, di gratitudine nei confronti del padrone. Invece di dire grazie, appena ha incontrato un altro servo, che gli doveva pochi spiccioli e che gli rivolgeva la stessa preghiera che lui aveva rivolto al padrone, non ha avuto compassione e, invece di condonare il debito, ha preteso, con forza, la restituzione di tutto.

Il grande insegnamento che Gesù ci dà è che Dio, grande e misericordioso, ci perdona sempre, se noi siamo capaci di perdonare gli altri per le offese che ci hanno fatto. Un insegnamento che Gesù ha sintetizzato nella preghiera del Padre Nostro con la frase: rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori.

Mettere in pratica questo insegnamento non è per niente facile, perché siamo piuttosto portati a non dimenticare le offese ricevute, anzi, il più delle volte, le piccole offese ricevute diventano montagne di incomprensioni, che ci allontanano irreparabilmente dagli altri. Allora stiamo male noi e il mondo attorno a noi.

Possiamo essere in grado di perdonare soltanto se siamo capaci di avere nel cuore un senso di gratitudine per tutti i doni che Dio ci ha fatto. Facciamo questa cura, prendiamo questa medicina: ogni giorno impariamo a ringraziare Dio per tutto l’amore e il perdono che ci dona in ogni istante della nostra vita. Se impariamo a farlo dal profondo del nostro cuore, ci verrà anche abbastanza facile e spontaneo saper perdonare.

Gratitudine e perdono ultima modifica: 2017-09-23T23:18:23+00:00 da Giocosa

Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
annuncerò tutte le sue meraviglie

Se le riflessioni e gli interventi presenti in questo articolo suscitano in te il ricordo di un episodio della tua vita del quale rendere grazie al Signore per le meraviglie che ha operato, lascia qui il tuo racconto.

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Attenzione! In questo sito non sono consentiti commenti né l'inserimento di link relativi ad altre pagine ma solo racconti della propria esperienza di vita.