Lo Spirito Santo è amore che unisce

di Giocosa - 11 giugno 2017

Il popolo di Israele, nel corso della sua storia, si è andato interrogando sul perché di tante divisioni tra i popoli e di tante guerre. Da questa riflessione è nato il racconto della Torre di Babele (Gn 11,1-9): che è stato il tentativo di dare una risposta a questo interrogativo, valido ancora oggi.

Anche oggi il mondo è una Torre di Babele: quante divisioni avvengono tra le nazioni, all’interno delle nazioni, nelle nostre città ed anche nelle nostre stesse famiglie.

La Parola di Dio ci aiuta a comprendere che, quando l’uomo cerca di fare unità attorno a dei progetti umani, a degli interessi economici, è destinato a fallire, perché questi progetti, questi interessi creano soltanto barriere e contrasti.

Se vogliamo costruire un’unità, un’unica famiglia dobbiamo cercare di mettere Dio al primo posto. Fare unità non attorno a degli interessi egoistici ma intorno agli interessi di pace, di bellezza, di giustizia, di fraternità.

Questa unità possiamo costruirla solo grazie all’aiuto dello Spirito Santo che vuole farci sentire tutti fratelli. Lo Spirito Santo è Amore che unisce. Ha trasformato i discepoli, spaventati, delusi e divisi tra loro e li ha fatti diventare un cuor solo e un’anima sola.

Così vuole trasformare anche il nostro stare insieme, nell’unica famiglia dei credenti in Dio, che con coraggio sanno portare al mondo l’annuncio di pace, che viene da Cristo Risorto. Lo Spirito Santo crea unione ma non vuole renderci identici gli uni agli altri.

Con il Suo aiuto, impariamo ad essere uniti nella diversità, rispettando i doni che Dio a fatto a ciascuno di noi, perché non siano di ostacolo al nostro stare insieme ma siano una ricchezza per il bene di tutti.

Lo Spirito Santo è amore che unisce ultima modifica: 2017-06-11T03:03:59+00:00 da Giocosa

Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
annuncerò tutte le sue meraviglie

Se le riflessioni e gli interventi presenti in questo articolo suscitano in te il ricordo di un episodio della tua vita del quale rendere grazie al Signore per le meraviglie che ha operato, lascia qui il tuo racconto.

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Attenzione! In questo sito non sono consentiti commenti né l'inserimento di link relativi ad altre pagine ma solo racconti della propria esperienza di vita.