Le chiavi del regno

di Giocosa - 2 settembre 2017
Le chiavi del regno

I discepoli sono andati, con Gesù, a Cesarea di Filippo, alle sorgenti del fiume Giordano. Sentendo i discorsi che hanno fatto lungo la strada, Gesù chiede loro cosa dice la gente di Lui. Le risposte, che i discepoli gli riferiscono, fanno riferimento a Giovanni Battista, al profeta Elìa, al profeta Geremia. Tutte risposte legate al passato: a persone passate, ad esperienze passate.

Allora, Gesù li guarda in faccia e chiede cosa pensano di Lui, loro che da anni sono al suo fianco e hanno lasciato tutto per seguirlo. La risposta di Pietro è sorprendente: Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente (cf Mt 16,13-20). Una risposta che non appartiene al passato, ma al presente.

Pietro è capace di fare un passo di lato, per lasciare spazio a Dio Padre e ascoltare la Sua Parola. Mette al centro Gesù e non il proprio passato: le persone passate, le cose passate.

Si domanda: “Oggi, Gesù, che cosa vuole da me? Che rimpianga il mio passato o che mi rimbocchi le maniche e viva con gioia e semplicità la mia vita, accettandola così come è?“.

È qui la differenza, è qui che cambia tutto, perché Gesù, per la nostra vita non è qualcosa di passato. Pietro ci insegna a vedere in Gesù una persona viva, attuale, e non una persona che ci crea delle nostalgie dentro di noi, perché allora finiamo per piangerci addosso, facendo i sindacalisti del passato.

Gesù è sempre qualcosa dell’oggi, di nuovo, di vivente, di novità. Egli ci mette sempre in un atteggiamento di scoperta, di ricerca.

Come Pietro, chiediamoci anche noi: Che cosa vuole Gesù, oggi, per la nostra vita? Ieri ci ha chiesto qualcosa, ma oggi ci chiede qualcosa di nuovo, perché oggi viviamo situazioni nuove, desideri nuovi, incontri nuovi.

È proprio in virtù di questa risposta di Pietro, che Gesù capisce che a lui può affidare le chiavi del Regno, cioè la responsabilità di aver cura dei suoi fratelli e di guidarli, quando Lui sarà tornato al Padre.

È questo il compito del successore di Pietro: il Papa che, illuminato dal Padre, riesce a dire parole di vita, parole nuove, parole vere, adatte all’oggi della nostra vita.

Apriamo il cuore e accogliamo sempre le parole del Papa, anche quelle che non accettiamo volentieri o quelle che ci sembrano tradire il passato. È Gesù che gli ha affidato le chiavi del Regno per aprire orizzonti nuovi per la nostra vita e per la vita di tutto il mondo.

Le chiavi del regno ultima modifica: 2017-09-02T22:57:58+00:00 da Giocosa

Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
annuncerò tutte le sue meraviglie

Se le riflessioni e gli interventi presenti in questo articolo suscitano in te il ricordo di un episodio della tua vita del quale rendere grazie al Signore per le meraviglie che ha operato, lascia qui il tuo racconto.

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Attenzione! In questo sito non sono consentiti commenti né l'inserimento di link relativi ad altre pagine ma solo racconti della propria esperienza di vita.