Condividere i doni di Dio

di Giocosa - 6 ottobre 2018

Un giorno Giovanni e gli altri discepoli volevano impedire ad alcuni di scacciare demoni nel nome di Gesù, perché non facevano parte della comunità dei discepoli che seguivano il Maestro (cfr Mc 9,38-40). Gesù li aiutò ad allontanare questa sorta di gelosia spirituale ed a comprendere che non è possibile porre limiti allo Spirito di Dio.

Questa gelosia spirituale può colpire anche ciascuno di noi, quando pensiamo di essere i migliori perché frequentiamo la Parrocchia, perché partecipiamo alla Messa domenicale, perché siamo assidui ai Sacramenti, perché facciamo parte di qualche gruppo o movimento.

È la pretesa di pensare che i doni di Dio siano appannaggio di pochi eletti, che sono chiamati a custodirli gelosamente e a difenderli, a tutti i costi, dalle presunte deviazioni degli altri, colpevoli semplicemente di vivere la fede in modo diverso. È questo un veleno che intossica e fa inaridire il cuore, rinchiudendoci nelle nostre arroganze spirituali.

Siamo chiamati, invece, a condividere i doni che abbiamo ricevuto nel Battesimo, per arricchirci reciprocamente della molteplicità dei carismi, che il Signore ha donato a noi e ai nostri fratelli. Dio è ricco di fantasia e trasmette la sua grazia e i suoi doni anche a tante persone, che neppure conosciamo, e nei modi più diversi, che nemmeno riusciamo ad immaginare.

I doni di Dio fanno gioire il nostro cuore e quello degli altri. Impariamo a condividerli, perché la nostra fede possa crescere e diffondersi. Allora, avremo occhi per riconoscere che lo Spirito di Dio davvero soffia dove vuole ed effonde i suoi doni oltre i confini delle chiese e delle religioni, perché tutti considera figli del Padre, capaci di donare amore.

Condividere i doni di Dio ultima modifica: 2018-10-06T23:14:24+00:00 da Giocosa

Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
annuncerò tutte le sue meraviglie

Se le riflessioni e gli interventi presenti in questo articolo suscitano in te il ricordo di un episodio della tua vita del quale rendere grazie al Signore per le meraviglie che ha operato, lascia qui il tuo racconto.

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Attenzione! In questo sito non sono consentiti commenti né l'inserimento di link relativi ad altre pagine ma solo racconti della propria esperienza di vita.