Lasciamoci trasformare

di Giocosa - 23 febbraio 2019

Gesù si trovava di fronte ad una folla di persone. In tanti si erano radunati attorno a Lui, desiderosi di ascoltare la sua Parola, di avere da Lui un po’ di aiuto e di consolazione (cfr Lc 6,17.20-26).

Alzando gli occhi e guardandoli in faccia, si accorse che tanti avevano nel cuore dubbi, incertezze, problemi, paure, difficoltà.

Di fronte a quella sofferenza scolpita nei loro volti, il Signore annunciò il desiderio di Dio di trasformare la loro vita in gioia e disse loro: “Beati voi…”

Beati… non perché siamo tristi, poveri, affamati, disprezzati, ma perché il Signore vede la nostra sofferenza e desidera consolarci.

Gesù ci guarda negli occhi e coglie il bisogno che portiamo nel cuore. Che cosa legge nei nostri cuori? Rabbia, dispiaceri, problemi? Ciascuno di noi ne ha.

Il Signore desidera che la nostra condizione si trasformi: da una condizione dubbiosa, triste, ad una condizione di pace, di serenità, di gioia.

A noi sembra impossibile, perché pensiamo di avere situazioni irrisolvibili. Troppo concentrati su noi stessi, diventiamo prigionieri dei nostri pensieri, delle nostre difficoltà e la vita diventa sterile, senza sbocco.

Il Signore ci guarda in faccia, guarda la nostra realtà e ci invita ad usare il suo stesso metodo, alzare lo sguardo: ci invita ad essere liberi, liberi di guardare in alto, liberi di condividere, liberi di avere fiducia. Mettiamoci nelle sue mani e lasciamoci trasformare, come l’argilla nelle mani del vasaio.

Il motore di questa trasformazione sono le Beatitudini: parole adatte a ciascuno di noi, parole dolci che ci invitano ad avere fiducia nel Signore. In qualsiasi situazione problematica ci troviamo, Egli ha cura di noi e trasforma le cose negative in positive, trasforma il nostro pianto in sorriso.

Lasciamoci trasformare ultima modifica: 2019-02-23T23:30:14+00:00 da Giocosa

Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
annuncerò tutte le sue meraviglie

Se le riflessioni e gli interventi presenti in questo articolo suscitano in te il ricordo di un episodio della tua vita del quale rendere grazie al Signore per le meraviglie che ha operato, lascia qui il tuo racconto.

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Attenzione! In questo sito non sono consentiti commenti né l'inserimento di link relativi ad altre pagine ma solo racconti della propria esperienza di vita.