Le ferite di Gesù

di Giocosa - 29 Aprile 2017
Le ferite di Gesù

La morte di Gesù, per l’apostolo Tommaso, è stato un momento di profonda crisi di fede. Infatti, di fronte al racconto dell’apparizione di Gesù risorto, Tommaso non ha esitato a dire «Io non credo!».

È quello che spesso accade a ciascuno di noi quando, di fronte alle difficoltà della vita, ce la prendiamo così tanto che gridiamo: «Dio dove sei?», quasi fosse colpa del Signore se succedono delle cose sgradevoli nella nostra vita.

L’apostolo Tommaso, però, è stato anche capace di passare dall’incredulità alla professione di fede, quando, di fronte a Gesù Risorto, ha esclamato «Mio Signore e mio Dio!».

Come è riuscito a realizzare in sé questo cambiamento? Gesù gli ha detto di toccare le Sue ferite. È questa la strada che possiamo percorrere anche noi per aumentare la nostra fede.

Ma come possiamo toccare, oggi, le ferite di Gesù?

Proviamo a toccare il dolore di chi ci sta accanto, proviamo ad entrare nella sofferenza degli altri. Diamo una carezza ad una persona malata, doniamo un sorriso ad una persona triste, restiamo accanto ad una persona che ha un grande dispiacere, diamo una mano ad una persona abbandonata, restiamo in silenzio di fronte al dolore dell’altro, senza riempirlo delle nostre parole.

Mettiamo le nostre mani nella sofferenza degli altri, allora la nostra fede aumenta, diventa più forte e sicura, e la vita è più bella.

Le ferite di Gesù ultima modifica: 2017-04-29T21:41:17+02:00 da Giocosa

Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
annuncerò tutte le sue meraviglie

Se le riflessioni e gli interventi presenti in questo articolo suscitano in te il ricordo di un episodio della tua vita del quale rendere grazie al Signore per le meraviglie che ha operato, lascia qui il tuo racconto.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attenzione! In questo sito non sono consentiti commenti né l'inserimento di link relativi ad altre pagine ma solo racconti della propria esperienza di vita.