Un cuore capace di amare

di Giocosa - 19 Febbraio 2018

Il Signore vuole cambiare il nostro cuore, troppo spesso duro come una pietra, e vuole trasformarlo in un cuore di carne, un cuore capace di amare. Il tempo di Quaresima è il momento favorevole per aprire il cuore alla grazia di Dio e dare nuovo slancio alla nostra vita di fede, realizzando quel cambiamento interiore sempre necessario.

Tre sono le parole che ci accompagnano in questo tempo di grazia: preghiera, elemosina e digiuno. Tre dimensioni della vita di fede, che ci aiutano a realizzare in noi il cambiamento, solo se riusciamo a dargli il giusto significato.

Troppo spesso, infatti, la vita cristiana è vista come un cammino fatto di divieti, una vita scritta con il “meno” davanti. Sembra, infatti, che tutto si risolva nel “non fare”, fino ad arrivare alla conclusione che l’importante è non fare niente di male.

Ma questo, in fondo, non è che il punto di partenza: perché la vera vita cristiana ha sempre un “più” davanti. Il nostro cuore di carne non è chiamato ad essere semplicemente un cuore che non odia, ma soprattutto un cuore che, in tutte le circostanze della vita, è sempre pronto ad amare.

L’elemosina, vista in senso positivo, non è più il privarsi di qualcosa, ma la capacità di saper condividere, con gli altri, i tanti doni che abbiamo ricevuto dal Signore e per i quali siamo chiamati sempre a ringraziarlo, consapevoli che tutta la nostra vita è un dono.

La preghiera non è più un dovere da assolvere, ma diventa la strada da percorrere per vivere una relazione più intensa e più bella con il Signore e, di conseguenza, con le altre persone.

Il digiuno non è rinunciare a qualcosa, ma è il mezzo che ci aiuta ad essere liberi nel cuore, liberi da tante cose che pensiamo siano importanti, ma in realtà sono come delle camicie di forza che ci mettiamo addosso e ci impediscono di camminare liberi e splendenti.

Qual è il tesoro della nostra vita? A cosa siamo molto legati? Spesso quelli che pensiamo essere i tesori della nostra vita, sono degli idoli dei quali siamo schiavi. L’unico vero tesoro è l’amore che Gesù ci dà: digiunare vuol dire mettere Dio al primo posto e subito dopo gli altri, con i quali condividere l’amore che il Signore ci dona.

Ed ecco allora che anche la Quaresima non è semplicemente un cammino di divieti, ma diventa una strada di impegno che tutti possiamo percorrere.

Un cuore capace di amare ultima modifica: 2018-02-19T15:22:34+01:00 da Giocosa

Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
annuncerò tutte le sue meraviglie

Se le riflessioni e gli interventi presenti in questo articolo suscitano in te il ricordo di un episodio della tua vita del quale rendere grazie al Signore per le meraviglie che ha operato, lascia qui il tuo racconto.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attenzione! In questo sito non sono consentiti commenti né l'inserimento di link relativi ad altre pagine ma solo racconti della propria esperienza di vita.