Catechisti oggi

di Giocosa - 19 Novembre 2014

Per essere catechisti oggi occorre una buona dose di temerarietà! La stessa che ebbero gli esperti pescatori del Lago di Tiberiade quando Gesù disse loro di gettare le reti per la pesca dal lato opposto della barca (Gv 21,6), chiedendo loro di andare contro ogni logica e di agire in modo diametralmente opposto alla lunga esperienza acquisita con il tempo.

Occorre, in fondo, tanta fiducia in Gesù, ma anche tanta fiducia nel cuore di chi riceve l’insegnamento.

Il catechista temerario pensa in grande, spera il massimo, confida in un raccolto abbondante di frutti, ma intanto lavora in piccolo, come il contadino che dedica tempo per zappare il terreno attorno alle piante, per concimarle (Lc 13,6-9), per averne cura e dare attenzioni.

Egli, confidando nella Parola del Maestro, sa che per far crescere davvero le persone non occorre tanto la semplice conoscenza di nozioni catechistiche, ma l’importante è costruire una relazione con i ragazzi che gli sono affidati. Egli sa che per accorciare la distanza tra Gesù e i ragazzi non serve mettere dei pesi sulle loro spalle, trasmettendo loro la tristezza o la paura di un giudizio negativo, ma è più efficace una catechesi gioiosa e giocosa, che parla il linguaggio dei ragazzi e che mostra loro il vero volto di Dio, quello della gioia.

Catechisti oggi ultima modifica: 2014-11-19T22:31:40+01:00 da Giocosa

Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
annuncerò tutte le sue meraviglie

Se le riflessioni e gli interventi presenti in questo articolo suscitano in te il ricordo di un episodio della tua vita del quale rendere grazie al Signore per le meraviglie che ha operato, lascia qui il tuo racconto.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attenzione! In questo sito non sono consentiti commenti né l'inserimento di link relativi ad altre pagine ma solo racconti della propria esperienza di vita.