Essere catechisti

di Giocosa - 27 Gennaio 2014
Essere catechisti

La catechesi è un pilastro per l’educazione della fede, e ci vogliono buoni catechisti!

Anche se a volte può essere difficile, si lavora tanto, ci si impegna e non si vedono i risultati voluti, educare nella fede è bello!

È forse la migliore eredità che noi possiamo dare: la fede! Educare nella fede, perché lei cresca.

Aiutare i bambini, i ragazzi, i giovani, gli adulti a conoscere e ad amare sempre di più il Signore è una delle avventure educative più belle, si costruisce la Chiesa!

“Essere” catechisti! Non lavorare da catechisti: questo non serve!

«Io lavoro da catechista perché mi piace insegnare…» Ma se tu non sei catechista, non serve! Non sarai fecondo, non sarai feconda!

Catechista è una vocazione: “essere catechista”, questa è la vocazione, non lavorare da catechista. Badate bene, non ho detto “fare” i catechisti, ma “esserlo”, perché coinvolge la vita.

Si guida all’incontro con Gesù con le parole e con la vita, con la testimonianza.

Ricordatevi quello che Benedetto XVI ci ha detto: “La Chiesa non cresce per proselitismo. Cresce per attrazione”. E quello che attrae è la testimonianza. Essere catechista significa dare testimonianza della fede; essere coerente nella propria vita. E questo non è facile. Non è facile!

Noi aiutiamo, noi guidiamo all’incontro con Gesù con le parole e con la vita, con la testimonianza.

A me piace ricordare quello che san Francesco di Assisi diceva ai suoi frati: “Predicate sempre il Vangelo e, se fosse necessario, anche con le parole”.

Le parole vengono… ma prima la testimonianza: che la gente veda nella nostra vita il Vangelo, possa leggere il Vangelo.

Ed “essere” catechisti chiede amore, amore sempre più forte a Cristo, amore al suo popolo santo. E questo amore non si compra nei negozi, non si compra a Roma neppure.

Questo amore viene da Cristo! È un regalo di Cristo! È un regalo di Cristo!

(dal Discorso ai Partecipanti al Congresso Internazionale sulla Catechesi – 27/09/2013)

Essere catechisti ultima modifica: 2014-01-27T23:18:06+01:00 da Giocosa

Testimonianze

  1. Francesco

    Nella mia esperienza di “vecchio” catechista ho sempre pensato che la catechesi è importante per i piccoli come per gli adulti, nel passato però la Chiesa non dava molta importanza a questa idea forza della vita del cristiano, ma da un pò di tempo tutti insistono sulla catechesi ed infatti si organizzano anche corsi di preparazione.
    Certo non è facile con i nostri fanciulli che dopo il catechismo in preparazione alla prima comunione, spariscono, occorre insistere con il postcomunione e magari prendere contatti con gli insegnanti di religione delle scuole, speriamo bene.

Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
annuncerò tutte le sue meraviglie

Se le riflessioni e gli interventi presenti in questo articolo suscitano in te il ricordo di un episodio della tua vita del quale rendere grazie al Signore per le meraviglie che ha operato, lascia qui il tuo racconto.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attenzione! In questo sito non sono consentiti commenti né l'inserimento di link relativi ad altre pagine ma solo racconti della propria esperienza di vita.