Perché andare a Messa la domenica?

di Giocosa - 27 Gennaio 2018

Perché andare a Messa la domenica?” è il titolo della quarta tappa del cammino di catechesi sulla Messa intrapreso da Papa Francesco.

Una catechesi che ci aiuta a riflettere sulle motivazioni che, ogni domenica, ci devono spingere a prendere la decisione di partecipare, nonostante i nostri innumerevoli impegni, alla celebrazione eucaristica.

“Partecipare alla Messa domenicale – afferma il Papa – è lasciarsi incontrare dal Signore Risorto, ascoltare la sua Parola, nutrirci alla sua mensa. È questo incontro con il Signore, che ci dà la forza di vivere l’oggi con fiducia e coraggio e di andare avanti con speranza”.

Papa Francesco ci ricorda la centralità della celebrazione domenicale dell’Eucarestia, nella vita della Chiesa e del cristiano: “è la Messa che fa la domenica cristiana”. Si domanda, perciò: “Che domenica è, per un cristiano, quella in cui manca l’incontro con il Signore?”.

Andare a Messa la domenica, allora, non è semplicemente assolvere ad un precetto, ma è piuttosto qualcosa di indispensabile, che non può mancare nella nostra vita di cristiani, perché “solo con la grazia di Gesù, con la sua presenza viva in noi e tra di noi, possiamo mettere in pratica il suo comandamento e così essere suoi testimoni credibili”.

E a quanti ritengono che non serve andare a Messa, nemmeno la domenica, perché l’importante è vivere bene e amare il prossimo, Papa Francesco risponde che solo attingendo, una domenica dopo l’altra, alla fonte inesauribile dell’Eucarestia l’energia necessaria, possiamo praticare il Vangelo e avere la capacità di amare il nostro prossimo.

Apriamo il nostro cuore alle parole di Papa Francesco e riscopriamo la bellezza e la gioia di partecipare alla Messa domenicale, per poter ricevere dal Signore ciò di cui abbiamo veramente bisogno.

Perché andare a Messa la domenica? ultima modifica: 2018-01-27T21:53:09+01:00 da Giocosa

Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
annuncerò tutte le sue meraviglie

Se le riflessioni e gli interventi presenti in questo articolo suscitano in te il ricordo di un episodio della tua vita del quale rendere grazie al Signore per le meraviglie che ha operato, lascia qui il tuo racconto.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attenzione! In questo sito non sono consentiti commenti né l'inserimento di link relativi ad altre pagine ma solo racconti della propria esperienza di vita.