Coltiviamo i nostri rapporti

di elisabetta - 13 Ottobre 2013
Coltiviamo i nostri rapporti

“Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora, quella che si era perduta” (Lc 15,6)

“Basta poco per consolarci perché basta poco per affliggerci.

Amici miei, tenete a mente questo: non ci sono né cattive erbe né uomini cattivi.

Ci sono solo cattivi coltivatori.”

“In ogni essere vivente c’è una scintilla di Dio.”

L’ incontro con gli altri può dunque costituire la nostra possibilità di metterci in contatto con lui.

Ognuno di noi è il contadino dei suoi rapporti.

Tutto ciò che dobbiamo fare è coltivarli, rimboccandoci le maniche quando sembrano essere senza speranza.

[Citazioni di Victor Hugo e Giordano Bruno]

Coltiviamo i nostri rapporti ultima modifica: 2013-10-13T22:35:34+02:00 da elisabetta

Testimonianze

  1. Emanuele

    Durante una lezione di religione, discutendo del tema della fede, la prof ci chiede se qualcuno di noi frequentasse la chiesa io, un po’ intimorito del giudizio dei miei amici di classe, non sapevo cosa fare se dire di si oppure no; poi ho capito che non avevo niente da vergognarmi e così mi sono fatto coraggio dicendo con una flebile voce: “Prof io frequento la chiesa!”. La prof, rimasta basita, mi dice: “E cosa fai in chesa?” Io le spiego tutte le attività che svolgo in chiesa e lei rimane molto contenta. I miei amici, stupiti delle cose che avevo detto e anche incuriositi, continuano a farmi domande, anche se la maggior parte di loro non va in chiesa. Sono rimasto molto sbalordito dal comportamento dei miei compagni di classe e lo rifarei molto volentieri 🙂

  2. iaia

    Qualche settimana fa mi è capitato di incontrare per strada Ciro… ormai un uomo anche se ancora con il volto del ragazzino che avevo conosciuto quando, son passati ormai una ventina d’anni, veniva in Parrocchia per il catechismo.
    Quante me ne ha fatte passare!! Sì, era uno di quei ragazzi difficili, di quelli in continua agitazione, che non sai mai come prendere.
    Oggi sono stata contenta di averlo rivisto e ancor più contenta che ricordasse il mio nome… Sì! mi ha chiamato per nome… lui che all’epoca, ogni volta che mi incontrava, si divertiva a chiamarmi con il soprannome che mi aveva affibbiato: «Ueeè Maradona», per via del volume dei miei capelli che vagamente ricordava l’acconciatura del Pide de oro…
    Nonostante all’epoca fosse una peste, oggi rivedendolo ho pensato che la fatica di quegli anni non è stata vana… mentre mi diceva che se ne avesse la possibilità, vorrebbe poter aiutare altri che stanno in difficoltà, pensavo che in lui continua a brillare quella scintilla di bene che abita il suo cuore.
    Sì, oggi Ciro è ormai un uomo, che con il suo lavoro a stento riesce ad aiutare economicamente la sua famiglia non proprio benestante, eppure qualcosa di quegli anni del catechismo ha lasciato in lui una traccia, un sorriso per una vita tutta in salita…

  3. Elisabetta

    Qualche giorno fa ho conosciuto una ragazza. Pur avendo dei pregiudizi nei suoi confronti, ho deciso di approfondire la sua conoscenza e, con mio enorme stupore, mi sono accorta che avevamo moltissime cose in comune. Sono contenta di averle dato una possibilità perché, oltre ad aver accettato lei, ho accettato e approfondito la conoscenza di me stessa. Non smetterò mai di ringraziarla per questo.

  4. iva

    Io e la mia amica nonostante abbiamo due caratteri uguali abbiamo un modo diverso di credere nella stessa religione.
    Infatti a volte ci capita di discutere su questo argomento, quasi sempre con due pensieri diversi, ma ho notato che, anche se non siamo sempre d’accordo, lei continua a chiedermi un parere o un consiglio come se io le abbia sempre ispirato fiducia

Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
annuncerò tutte le sue meraviglie

Se le riflessioni e gli interventi presenti in questo articolo suscitano in te il ricordo di un episodio della tua vita del quale rendere grazie al Signore per le meraviglie che ha operato, lascia qui il tuo racconto.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attenzione! In questo sito non sono consentiti commenti né l'inserimento di link relativi ad altre pagine ma solo racconti della propria esperienza di vita.