Alla ricerca di Dio

di Giocosa - 31 Ottobre 2016

La parabola del pubblicano e del fariseo viene raccontata da Gesù esplicitamente per coloro che hanno l’intima presunzione di essere giusti e disprezzano gli altri (Lc 18,9-14). La parabola ci presenta due uomini alla ricerca di Dio. Entrambi lo pregano utilizzando le parole dei Salmi, ma come sono diverse le loro preghiere!

La preghiera del fariseo è tutta un giudizio nei confronti degli altri. Egli si sente migliore degli altri, pensa di non sbagliare mai, vede in sé solo pregi e negli altri solo difetti.

Il pubblicano, invece, davanti a Dio e alla Sua santità, guarda solo a sé stesso e si riconosce fragile e povero, semplicemente un peccatore bisognoso del perdono di Dio. Al contrario del fariseo, non è una persona piena di sé e proprio questo gli consente di incontrare Dio e di poter colmare quel vuoto con la Sua presenza, riempiendo di gioia e di pace la sua vita.

Con questa parabola Gesù ci aiuta a scoprire chi siamo noi: quante volte dentro di noi si nasconde quel fariseo! Sempre pronti ad esprimere un giudizio negativo su tutti e tutto, come se solo noi fossimo i perfetti, che agiamo giustamente e gli altri sempre a sbagliare. Arriviamo al punto che, pensando di essere superiori ed autosufficienti, chiudiamo le porte in faccia agli altri, considerandoli dei nemici, che vengono a rovinare il nostro stare bene.

L’unica strada per trovare il Signore, però, non è quella percorsa dal fariseo, ma quella dell’umiltà, del sapersi riconoscere piccoli davanti a Lui, bisognosi del Suo aiuto. Solo così possiamo incontrare Dio e comprendere che guarda a tutti come suoi figli, senza distinzioni. Allora la preghiera sarà per noi fonte di pace e di gioia e dilaterà il nostro cuore affinché sia capace di accogliere ogni uomo.

Alla ricerca di Dio ultima modifica: 2016-10-31T16:03:45+01:00 da Giocosa

Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
annuncerò tutte le sue meraviglie

Se le riflessioni e gli interventi presenti in questo articolo suscitano in te il ricordo di un episodio della tua vita del quale rendere grazie al Signore per le meraviglie che ha operato, lascia qui il tuo racconto.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attenzione! In questo sito non sono consentiti commenti né l'inserimento di link relativi ad altre pagine ma solo racconti della propria esperienza di vita.