Non sia turbato il vostro cuore

di Giocosa - 20 Maggio 2017

“Non sia turbato il vostro cuore” (Gv 14,1). Sono le parole che Gesù rivolse ai suoi Apostoli durante l’Ultima Cena. In quel momento i discepoli di Gesù erano sconvolti e preoccupati. Avevano ormai la certezza che Gesù sarebbe andato incontro alla morte ed erano nel panico: non sapevano più che cosa fare. Si sentivano tristi e abbandonati.

Quante volte anche noi ci sentiamo così scoraggiati. Le cose non vanno come vorremmo e sorgono difficoltà una dietro all’altra.

Tanti problemi ci affliggono e corriamo il rischio di essere sopraffatti dalla preoccupazione, che non risolve i problemi, ma anzi li aumenta, perché ci fa star male.

Gesù, che legge nel nostro cuore, non è contento quando siamo tristi, perciò anche a noi rivolge queste parole: “Non sia turbato il vostro cuore!”.

Non abbiamo da temere. Il Signore ci sta accanto per infonderci tranquillità e forza d’animo. Non è qui a risolvere i problemi, ma ci dona il coraggio per affrontarli e la serenità per accettare quelli che non possono essere risolti.

Con Gesù al nostro fianco, i problemi non svaniscono, ma non sono più insormontabili, diventano come gradini che ci permettono di avvicinarci di più a Lui e di crescere verso la pienezza della vita e della gioia.

Non sia turbato il vostro cuore ultima modifica: 2017-05-20T23:33:39+02:00 da Giocosa

Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
annuncerò tutte le sue meraviglie

Se le riflessioni e gli interventi presenti in questo articolo suscitano in te il ricordo di un episodio della tua vita del quale rendere grazie al Signore per le meraviglie che ha operato, lascia qui il tuo racconto.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attenzione! In questo sito non sono consentiti commenti né l'inserimento di link relativi ad altre pagine ma solo racconti della propria esperienza di vita.