Possa tu ascoltare e parlare

di Giocosa - 15 Settembre 2018

Un giorno, alcune persone accompagnarono un sordomuto da Gesù, perché lo guarisse. Gesù lo portò in disparte, lontano dalla folla, e compì alcuni gesti: gli toccò le orecchie e la lingua e poi disse: “Effatà, apriti” e quella persona, da sordomuta, incominciò a sentire e a parlare (cfr. Mc 7,31-37).

I primi cristiani, ben presto compresero che quella guarigione fisica era il segno di una guarigione più profonda, più grande, che riguardava tutti. Infatti, fin dagli inizi della Chiesa, il rito dell’effa è entrato a far parte del rito del Battesimo.

Tutti quanti noi, dal punto di vista della fede, eravamo sordomuti e il Signore Gesù, mediante la sua morte e risurrezione, ci ha toccato e ci ha detto: “Possa tu ascoltare e parlare”.

Il Signore ci ha fatti diventare suoi figli: possiamo ascoltarlo, ma possiamo anche proclamare che è il nostro Padre.

Gesù compie, oggi, lo stesso miracolo per ciascuno di noi: ci apre le orecchie e ci dona la possibilità di ascoltare e amare la sua Parola. Ci apre la bocca, perché possiamo proclamare la Sua Parola, annunciarla, ad esempio con la preghiera, ma anche aiutando chi ci sta accanto.

Quante persone, pur gridando, è come se fossero mute, perché noi non vogliamo ascoltare. C’è una malattia fisica, ma c’è anche una malattia del cuore. Tante persone sono malate di questo: non possono parlare perché non si sentono capite, e anche se parlano non si sentono accolte, ascoltate, non si sentono amate.

Il sordomuto ha ritrovato di nuovo la parola e la capacità di ascoltare perché si è sentito accolto e ascoltato da Gesù. Proviamo ad ascoltare, proviamo a dare tempo agli altri, lasciamoli parlare, raccontare, facciamo in modo che esca fuori dal loro cuore quello che hanno dentro.

Bisogna dare fiducia affinché le persone che sembrano morte, perché chiuse in sé stesse, possano rivivere. Impariamo da Gesù e aiutiamo le persone a stare bene.

Possa tu ascoltare e parlare ultima modifica: 2018-09-15T15:41:11+02:00 da Giocosa

Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
annuncerò tutte le sue meraviglie

Se le riflessioni e gli interventi presenti in questo articolo suscitano in te il ricordo di un episodio della tua vita del quale rendere grazie al Signore per le meraviglie che ha operato, lascia qui il tuo racconto.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attenzione! In questo sito non sono consentiti commenti né l'inserimento di link relativi ad altre pagine ma solo racconti della propria esperienza di vita.