Un cielo nuovo e una terra nuova

di Don Roberto - 1 Maggio 2016
Un cielo nuovo e una terra nuova

Cos’è la novità? Cos’è che a noi piace, cosa desideriamo, qual è la novità più grande che noi vorremmo? Un mondo di pace? Una giustizia uguale per tutti? La soluzione dei grandi problemi che ci affliggono? Lasciamoci prendere per mano e guidare da San Giovanni che, nelle visioni del Libro dell’Apocalisse, contemplando il destino dell’umanità, vede un cielo nuovo e una terra nuova (Ap 21,1-5).

Qualunque novità desideriamo ha bisogno di concretezza. Una della prime cose concrete che la novità ci richiede è vedere le cose nuove: spesso desideriamo cose nuove, ma poi non le vediamo, non apriamo gli occhi. È abbastanza comune, infatti, sentire critiche continue sulle cose che non vanno. Nel nostro pensare, nel nostro parlare, continuiamo a sottolineare i fatti negativi. Desideriamo cose nuove e parliamo sempre delle cose antiche, delle cose vecchie, delle cose storte.

Finiamo sempre per mettere la lente di ingrandimento sulle cose negative e mettiamo il cannocchiale all’incontrario sulle cose positive così da vederle piccole e lontane. È come se volessimo costruire una casa e continuiamo a buttar giù muri, continuiamo a distruggere e così facendo non ci rendiamo conto che non si vedrà mai niente di nuovo.

Il primo segno di novità, invece, è incominciare a raccontare le cose belle che ascoltiamo, che vediamo, le sensazioni positive che ci nascono dentro l’animo. Proviamo a guardare le persone e il mondo attorno a noi con ottimismo, con speranza, con fiducia invece che con un sguardo diffidente.

Nella vita delle persone, anche di quelle più storte, c’è sempre qualcosa di buono: un gesto, un pensiero, un sentimento. Proviamo a pensare in modo positivo di chi ci sta accanto, a parlarne bene anche se fosse per una piccola cosa. È questa una strada importante da intraprendere per costruire cose nuove nella nostra vita, nelle nostre famiglie e nel nostro quartiere.

Vedere le cose nuove vuol dire vedere le cose belle che Dio semina nella nostra vita e in quella degli altri. Allora anche il comandamento nuovo di Gesù (Gv 13,31-35) assume un significato molto concreto: non è un amore campato sulle nuvole, ma è un amore concreto fatto di una continua scoperta degli aspetti positivi del fratello, dei suoi buoni sentimenti, dei suoi buoni progetti e desideri.

È un rivoluzione che deve realizzarsi non fuori di noi, ma dentro di noi, nel nostro cuore, assumendo un atteggiamento diverso nei confronti di Dio e dei fratelli. Il primo gesto da fare, il più difficile, ma anche il più bello è cominciare da noi stessi.

Alla luce della Parola di Dio, del desiderio di Dio di fare cose nuove, non in astratto ma nel concreto, impegniamoci! Incominciamo a vedere e a parlare delle cose positive che vediamo attorno a noi, nei nostri fratelli, in quelli più vicini, con i quali abbiamo a che fare giorno per giorno. È il primo passo: se incominciamo noi diventa una reazione a catena.

Un cielo nuovo e una terra nuova ultima modifica: 2016-05-01T00:21:59+02:00 da Don Roberto

Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
annuncerò tutte le sue meraviglie

Se le riflessioni e gli interventi presenti in questo articolo suscitano in te il ricordo di un episodio della tua vita del quale rendere grazie al Signore per le meraviglie che ha operato, lascia qui il tuo racconto.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attenzione! In questo sito non sono consentiti commenti né l'inserimento di link relativi ad altre pagine ma solo racconti della propria esperienza di vita.