Pensare secondo Dio

di Giocosa - 9 Settembre 2017

Gesù, dopo aver ascoltato la bella professione di fede di Pietro, che lo ha riconosciuto Figlio del Dio vivente, decide di annunciare ai suoi discepoli che è giunto il momento di andare a Gerusalemme, per portare a compimento la sua missione, andando incontro alla passione, alla morte e alla risurrezione (cfr. Mt 16,21-27).

Pietro, che un attimo prima è stato un esempio di fede, di fronte a questo annuncio, diventa un impedimento al cammino di Gesù: infatti lo rimprovera per quelle parole, perché non può permettere che vada incontro a morte sicura.

La Parola di Dio ci insegna, così, che ci sono due modi di pensare: pensare secondo Dio e pensare secondo gli uomini. Quando Pietro si è lasciato illuminare la mente dalla volontà di Dio, ha riconosciuto in Gesù il Signore della vita.

Quando invece, pieno di sé, si è dimenticato di Dio e non ha ascoltato più la voce del Padre, ma ha ascoltato sé stesso e ha pensato secondo il mondo, è diventato un ostacolo per Gesù e la sua missione.

Pietro è la fotografia di ciascuno di noi. Nel momento in cui pensiamo secondo Dio e parliamo con parole che vengono da Lui, diventiamo annunciatori e testimoni del Vangelo e riusciamo a sentire Gesù presente nella nostra storia e nella nostra vita.

Quando, invece, vogliamo parlare per conto nostro, perché siamo convinti di saperle tutte, perché ci siamo montati un po’ la testa e pensiamo di poter insegnare a Dio ciò che è buono e giusto, allora impediamo a Gesù di crescere nel nostro cuore e nel cuore di chi ci sta accanto.

Nella nostra vita, nei nostri pensieri, nelle nostre scelte lasciamo da parte i nostri IO… IO… IO… e, ascoltando la Parola di Dio e pregando, impariamo a fidarci di DIO, per diventare costruttori di bene, di pace, di famiglia, di comunità.

Pensare secondo Dio ultima modifica: 2017-09-09T22:23:55+02:00 da Giocosa

Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
annuncerò tutte le sue meraviglie

Se le riflessioni e gli interventi presenti in questo articolo suscitano in te il ricordo di un episodio della tua vita del quale rendere grazie al Signore per le meraviglie che ha operato, lascia qui il tuo racconto.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attenzione! In questo sito non sono consentiti commenti né l'inserimento di link relativi ad altre pagine ma solo racconti della propria esperienza di vita.