Testimoni di speranza e amore

di Giocosa - 12 Agosto 2017

Gesù scelse tre dei suoi discepoli, Pietro, Giacomo e Giovanni, e li portò su di un alto monte per renderli partecipi di un avvenimento straordinario: la sua Trasfigurazione. Egli mostrò loro il suo volto divino: un volto luminoso, splendente della gloria del suo essere Figlio di Dio.

Scelse questi tre discepoli non perché erano migliori degli altri o perché erano i suoi discepoli preferiti. Li scelse semplicemente perché fossero suoi testimoni.

Anche per noi essere cristiani, non è una scelta di merito. Gesù non ci ha scelti perché siamo migliori di quelli che restano fuori la chiesa. Ci ha scelti perché diventiamo testimoni del suo amore, della sua bontà, della sua vicinanza ad ogni uomo.

Siamo persone chiamate, ogni giorno, a dare testimonianza dell’amore di Dio con la nostra semplice vita, facendo le cose di tutti i giorni con più amore. Non ha importanza se nessuno ci vede, se nessuno lo sa: il bene vero non fa rumore.

Gesù decise di trasfigurarsi davanti ai suoi discepoli perché sapeva che, di lì a poco, sarebbe andato incontro alla morte e questo evento avrebbe messo a dura prova la loro fede.

Trasfigurandosi, volle lasciare impresso nella loro mente e nel loro cuore quel suo volto luminoso, perché, di fronte alla morte che lo stava per prendere, la loro fede fosse rafforzata dalla consapevolezza che quel volto sarebbe tornato a splendere.

La vita ci riserva, tante volte, croci, sofferenze, dispiaceri, delusioni, amarezze, ci riserva tante cose brutte. Con la sua Trasfigurazione, Gesù vuole sostenere anche la nostra fede.

Coraggio, anche se abbiamo delle difficoltà da affrontare, non è questo l’unico aspetto della vita, ma è questa la strada da percorrere per poter sperimentare e godere la gioia di stare per sempre con il Signore.

Risolleviamoci, dunque, e viviamo con gioia la nostra vita quotidiana per essere sempre e dovunque testimoni di speranza e amore.

Testimoni di speranza e amore ultima modifica: 2017-08-12T22:32:36+02:00 da Giocosa

Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
annuncerò tutte le sue meraviglie

Se le riflessioni e gli interventi presenti in questo articolo suscitano in te il ricordo di un episodio della tua vita del quale rendere grazie al Signore per le meraviglie che ha operato, lascia qui il tuo racconto.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attenzione! In questo sito non sono consentiti commenti né l'inserimento di link relativi ad altre pagine ma solo racconti della propria esperienza di vita.